Tratto Torino - il ristorante per cene e aperitivi a torino
Tratto Torino - il nostro dehor esterno
Tratto Torino - Cucina e vini del territorio

Chi siamo

Tratto Torino

Tre amici che hanno in comune l’amore per l’ospitalità, per la cucina e per Torino. Insieme, abbiamo avuto l’idea di trasformare questo amore in un ristorante, mettendoci dentro le nostre passioni più grandi: i sapori del territorio, il piacere dell’accoglienza e i grandi vini.

Chi siamo: Daniele Rasetto - il Maître e Sommelier di Tratto Torino

Daniele Rasetto

Maître e Sommelier

Daniele, 26 anni, è il nostro Maître e Sommelier. Laureato all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, ha trascorso i primi anni della sua carriera in cucina, collaborando con diversi chef stellati, ma ha ben presto capito che la sua vocazione era un’altra: l’ospitalità e il contatto con le persone. Esce quindi dalle cucine per occuparsi della sala, appassionandosi al mondo del vino fino a diventare sommelier. Da Tratto si occupa dell’accoglienza e della cantina, per la quale ha selezionato un gran numero di vini che valorizzano il lavoro di piccoli e grandi produttori di tutto il mondo.

Luca Tomaino

Chef

Luca, classe 1985, è il nostro Chef. Si è formato alla corte di importanti Chef del panorama italiano, tra cui il maestro Gualtiero Marchesi, che ne ha profondamente segnato il futuro cammino. Ha però curato anche personalmente i suoi studi, divorando pagine e pagine di libri di cucina e dei suoi grandi interpreti, apprendendone le storie, le tecniche e le filosofie. Ha potuto approfondire la tradizione gastronomica di zone diverse, in particolare quelle dell’astigiano e di Torino, e da Tratto è pronto a dar voce al suo pensiero culinario, fatto di sapori netti, di creatività e di territorialità.

Chi siamo: Luca Tomaino lo chef di Tratto Torino
Chi Siamo: Daniele Lanzolla il Responsabile di sala di Tratto Torino

Daniele Lanzolla

Responsabile di Sala

Daniele, 39 anni, è il nostro Responsabile di Sala. Dopo il diploma all’Istituto Alberghiero si cimenta con la cucina, scegliendo poi di cambiare strada per dedicarsi a tutto ciò che ruota intorno all’ospitalità. Lascia l’Italia per dodici anni, lavorando tra Egitto, Svizzera, Inghilterra, Spagna e Grecia. L’esperienza più significativa ce l’ha in Francia, nello splendido territorio della Costa Azzurra, dove rimane per sette anni consacrandosi definitivamente nel lavoro di sala. Tornato a Torino, lavora in diversi ristoranti per poi approdare da Tratto, dove promette di rendere perfetta l’esperienza di ogni ospite.